La differenza fra occupati e posti di lavoro

Queste sono le definizioni che figurano all’ultima pagina del Panorama statistico del mercato del lavoro ticinese.

Occupati secondo il concetto interno : tutte le persone occupate che esercitano un’attività professionale per almeno un’ora alla settimana o che lavorano presso un’azienda familiare senza ricevere una remunerazione. Sono inclusi in questa definizione i dipendenti, gli indipendenti, i familiari coadiuvanti in un’azienda di famiglia, gli apprendisti, le reclute, i sottoufficiali e gli ufficiali che durante la scuola reclute o corso d’avanzamento conservano il posto di lavoro, gli allievi e gli studenti che esercitano un’attività lavorativa parallelamente agli studi e i pensionati che continuano a lavorare.

La definizione si fonda sul concetto interno, ossia la popolazione economicamente attiva in Svizzera indipendentemente dal luogo di residenza (somma tra occupati residenti e non residenti che operano nelle aziende localizzate in Svizzera), per cui oltre agli svizzeri e agli stranieri domiciliati e dimoranti, conteggia pure i frontalieri, gli stranieri assunti da un datore di lavoro svizzero per meno di 90 giorni (assunzioni d’impiego) e gli svizzeri residenti all’estero.

Addetti o posti di lavoro (ai sensi della STATIMP): persone impiegate in Svizzera per almeno 6 ore a settimana in aziende dei settori secondario e terziario. Sono considerati addetti tutte le persone occupate nell’azienda, inclusi i titolari, i direttori, i gerenti, gli apprendisti, gli ausiliari, i collaboratori esterni, i collaboratori pensionati, i lavoratori a domicilio e i collaboratori familiari, svizzeri o stranieri (inclusi i frontalieri). Secondo questa definizione, le persone con più di un posto di lavoro vengono conteggiate tante volte quanti sono i loro impieghi. Gli addetti equivalenti a tempo pieno ETP risultano dalla conversione del volume di lavoro (misurato in termini di addetti o di ore di lavoro) in impieghi a tempo pieno. Il numero di addetti in equivalenti a tempo pieno corrisponde al totale delle ore di lavoro prestate diviso per la media annua delle ore di lavoro di un posto di lavoro a tempo pieno

Naturalmente il numero di occupati risulta superiore a quello dei posti di lavoro visto che la definizione di occupati comprende anche chi lavora una sola ora la settimana o che aiuta nell’azienda famigliare senza ricevere stipendio.
Queste sono le cifre del III trimestre 2014

occu

Successivo Differenza fra disoccupazione SECO e disoccupazione ILO